Pattini, amicizie e una cioccolata calda

cioccolatacalda1

Avrei una storia da raccontare.

Una storia fatta di ricordi, di sorrisi sdentati, di ginocchia sbucciate, di pattini ben oliati, di amicizie mai dimenticate.

Sono settimane di reunion, queste.

E questa, a differenza delle altre, è nata così all’improvviso, organizzata in fretta e furia, ma voluta da tutti con la stessa caparbietà di quando eravamo una squadra agonista di ragazzini spensierati.

E ora, attorno a questo tavolo, insieme a visi invecchiati e capelli ingrigiti, viene spontaneo far spazio alla  memoria e foto ingiallite, ad articoli di giornale e brevi flashback che trovano posto e si siedono in mezzo a noi con spontanea naturalezza.

Li guardo bene, li scruto con attenzione questi compagni che non vedo da una vita e che in fondo non mi sembrano poi così lontani o diversi da quando li ho lasciati.

Con loro ho trascorso la mia infanzia e la mia adolescenza, ci ho passato interi pomeriggi sotto il sole cocente sudati e appiccicaticci da far schifo o infreddoliti nel gelo invernale tutti imbacuccati come pupazzi di neve.

Insieme ricordo quintalate di risate in uno spogliatoio di legno così stretto e angusto da sembrare un corridoio e condivisioni di storie, lacrime e confidenze.

Ci siamo scambiati calzini puzzolenti, elastici per capelli, felpe rattoppate e gomme da masticare, masticate.

Abbiamo cantato, gridato a sguarciagola, tifato come hooligans inferociti.

Abbiamo scoperto i primi amori e sopportato le prime delusioni.

E’ una storia di ricordi questa.

Di ricordi e di cioccolata.

Cioccolata calda per l’esattezza.

Perché non c’è stato allenamento che io ricordi senza un bicchiere di plastica tra le mani di quella cioccolata liquida e tremendamente dolciastra della macchinetta.

Litri e litri ci sono finiti nella pancia.

Perché alla fine una cioccolata calda anche se non eccellente è la soluzione di ogni problema.

Guarisce tutti i mali, è panacea perfetta per le crisi da abbandono, i mal di pancia, i foruncoli e i capelli crespi.

Fa dimenticare i brutti voti, i terremoti del cuore, le ristrutturazioni, i traslochi e le separazioni quando sei cresciuto e di problemi ne hai di ben più grossi e quei pattini, quei pattini che hai tanto amato, li hai completamente dimenticati relegandoli da anni in un angolo nascosto in cantina, perché così è la vita.

Una cioccolata calda per dimenticare.

Una cioccolata calda e densa, quella che ti sporca le labbra e si beve con il cucchiaino, per ricordare.

 INGREDIENTI

Per 2 tazze abbondanti

250 gr cioccolato fondente

500 ml latte intero

50 gr zucchero

10 gr fecola di patate

1 pizzico sale (se volete)

Panna montata (sempre se lo desiderate)

Scaldare il latte e lo zucchero in una pentola dal fondo spesso a fuoco medio e quando il liquido sarà caldo, aggiungere il cioccolato a pezzetti mescolando con una frusta.

Versare la fecola setacciata fino ad ottenere la consistenza desiderata.

Il pizzico di sale esalta il gusto del cioccolato.

A piacere aggiungere un pizzico di cannella o di peperoncino o di vaniglia.

E la panna, fresca e morbida, dulcis in fundo.

p.s. così la preparava mia madre in una pentola di rame la vigilia di Natale al ritorno dalla messa di mezzanotte.

pattinaggio5_tagliata

pattinaggio3

Print Friendly

Comments

  1. Luca says

    Sei un mito, Barbara. Ma come fai! fa niente, l’importante è che fai e che coccoli la tua metà di te stessa. Un abbraccio forte,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>