Colomba di Pasqua

E’ tardi e piove piove e ancora piove.

Giornata perfetta per questa ricetta che richiede tempi lunghi e molta pazienza che vi regalo con l’augurio di una Pasqua serena a voi tutti.

Questo forno ormai moribondo continua a fare miracoli…

 

INGREDIENTI

Per l’impasto

400 gr farina tipo 0

300 gr farina tipo 00

180 gr zucchero semolato

230 gr burro a temperatura ambiente

250 gr latte intero

50 gr miele di acacia

2 uova medie

4 tuorli

25 gr lievito di birra

30 ml spumadoro (aroma a base di agrumi per ciambelle e focacce che troverete anche al supermercato)

130 gr canditi d’arancia (io ho usato la marmellata di arance a fettine preparata un paio di mesi fa)

Scorza grattugiata di limone e arancia bio

Per la glassa

150 gr mandorle intere

150 gr farina di mandorle

150 gr zucchero a velo

3 albumi d’uovo

 

Preparare il lievitino impastando 150 gr di farina (io le ho mescolate e setacciate) con il lievito sciolto in 125 gr di latte tiepido.

Lasciate lievitare fino al doppio del volume. Aggiungere ancora 150 gr di farina, 100 gr di zucchero, 125 gr di burro morbido e il latte rimasto fino ad ottenere una massa liscia e semi lucida e lasciar lievitare per 3 ore circa.

Incorporare tuti gli ingredienti rimasti ed impastare ancora per una massa soda ed elastica. Trasferire in una ciotola capiente e far lievitare per circa 6 ore. Trascorso questo tempo, riprendere l’impasto, maneggiarlo ancora e lasciarlo lievitare di nuovo fino al raddoppio. Dividere in due panetti e trasferirlo nello stampo da colomba formando per ognuno due pezzi che incrociati formeranno le ali.

Quando l’impasto sarà giunto ad un dito dal bordo dello stampo, ricoprire con la glassa che preparerete amalgamando la farina di mandorle con lo zucchero a velo e gli albumi. Distribuirla sulla colomba cercando di lasciare i bordi asciutti e decorare con le mandorle intere e la granella di zucchero.

In forno caldo a 160° circa per 50 minuti. Coprire la colomba con un foglio di alluminio a metà cottura se dovesse scurirsi troppo.

Sfornare la colomba, infilarla alla base in un ferro da maglia e raffreddarla capovolta.

Print Friendly

Comments

  1. says

    Io ti voglio tanto bene ma te sei pazza … manco morta mi metterei a far tutta sta fatica, quando fortunatamente esiste la focaccia Fraccaro !!! :-)
    Lo so lo so, non posso capire …

    • says

      ah, lo sai che ti ho pensato quando alle 23.00 passate con gli occhi crepati mi sono seduta davanti al forno, mentre il resto della casa dormiva gatte comprese???? ma ancora non riesco a provare simpatia per la parodi, mi perdoni????? baciiii

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>