La composta del mio inverno

Anche questa composta ha la sua piccola storia, nata per errore come la maggior parte delle ricette che elaboro in questa piccola cucina.

Una vera fortuna che i muri non fiatino, perché altrimenti ne racconterebbero delle belle, anzi per dirla francamente le piacevoli si conto sulle dita di una mano ultimamente.

Tornando a noi nemmeno di marmellate so nulla, monotematica persino nei gusti, me ne piacciono pochi e sempre quelli.

Tradizionalista come la più classica delle non più giovani ragazze, insomma parecchio noiosa.

Raro perciò che possiate trovarmi con la testa in qualche pentolone borbottante di miscela zuccherosa o vedermi capovolgere vasetti dai gusti più disparati in fretta e furia.

La scorsa settimana però mi sveglio con il pensiero di questa marmellata.

E come al solito mi ci butto a capofitto senza rifletterci neppure un secondo.

E compro una cassetta di cachi.

Perché marmellata di cachi doveva essere. Per crostate, biscotti, pane abbrustolito con il burro.

Una dolcissima marmellata di cachi. Melensa, persino. Così la volevo.

Invece dopo il primo assaggio, mi rendo conto che di cachi non sa proprio nulla.

Testarda continuo con gli assaggi, arrivo a metà pentolone, ma di caco e del suo inconfondibile gusto, neppure l’ombra.

Demordo? Figuriamoci. Ricomincio dalla spesa portandone a casa un’altra cassetta…..e poi un’altra ancora….pallette color arancio sparse dappertutto in questa cucina insieme a…..calde lacrime di rabbia e kleenex ovunque.

Forse era opportuno che mi arrendessi e sventolassi bandiera bianca??

Diciamo che mi sono adeguata.

Perché in realtà non era disgustosa come io la paventavo.

E a detta di tutti i cachi si sentivano eccome.

Solo che a questo punto ha finito nel trasformarsi in “Composta del mio inverno” per formaggi stagionati e non, per affettati, persino per pane abbrustolito.

Il burro lo ama ancora certo, ma meglio se salato.

 

INGREDIENTI

 

6 cachi medi (dovrebbero pesare un kg.) maturi, ma sodi

500 gr zucchero canna grezzo

1 busta gelificante 2:1

3 semi cardamomo

1 stecca cannella

Succo di mezzo limone bio

 

Lavorare ed asciugare i cachi e passarli con il passaverdura.

Versare in una pentola capiente lo zucchero e la miscela mescolando.

Aggiungere i cachi, il cardamomo, la cannella e far bollire per una decina di minuti.

Togliere dal fuoco, eliminare la schiuma in eccesso, aggiungere il succo del limone e riportare a bollore per altri 5 minuti.

Spegnere e versare nei barattoli a chiusura ermetica capovolgendoli in modo da formare il sottovuoto.

 

Print Friendly

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>