Zuppa alle nocciole e patata americana

E’ domenica e in questa piccola cucina c’è un gran fermento.

Fuori cielo grigio piombo, gocce d’acqua che paiono già pozzanghere prima ancor di toccare terra, aria fredda, violenta, antipatica e continui vortici di foglie e fiori avvizziti.

La prima giornata invernale è arrivata e voglia di mettere il naso fuori della porta nemmeno l’ombra.

Questa zuppa di nocciole e patata americana è proprio un esperimento.

Nata per caso, per combattere il freddo e il bisogno quasi fisico di tenere tra le mani una ciotola consolante che mi scaldi tutta con quello che frigo e dispensa oggi offrono.

Verdure e pochi altri semplici ingredienti, entrée perfetta in questa giornataccia per chi come me vorrebbe vivere sempre e solo in estate.

Ve la racconto così…

INGREDIENTI

250 gr zucca pulita a pezzi

1 costa sedano

3 carote medie

1 porro

1 patata americana media

3 patate

1 scalogno

1 litro brodo vegetale

100 gr nocciole

4 cucchiai olio evo

1 spruzzata paprika

Sale e pepe qb.

 

Pulire ed affettare lo scalogno molto sottile e farlo appassire in un tegame con un filo d’olio e un paio di cucchiai d’acqua.

Aggiungere le verdure lavate, asciugate e tagliate a piccoli pezzi.

Versare piano e poco alla volta il brodo vegetale e lasciarla ammorbidire a fuoco lento per 25 minuti circa.

Una volta cotta e raffreddata frullarla con il mixer.

Tostare le nocciole e ridurle in polvere lasciandone intere qualcuna per la decorazione.

Versare la farina di nocciole nella crema di verdure, aggiungere ancora un filo d’olio evo, una spruzzata di paprika regolando di sale e pepe.

Servire con le nocciole intere tostate possibilmente in una ciotola o in una tazza alta e stretta.

Print Friendly

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>