La caponatina di Milco

Sabato scorso faccio una visita veloce alla mia amica Silvia prima che cominci a lavorare.

Entro nella cucina del suo ristorante in un tardo pomeriggio afoso ed la chiamo. La cucina è vuota, è ancora troppo presto, non c’è nessuno, ma questo per me è il momento perfetto per poter osservare il “sancta sanctorum” in silenzio con tutti i suoi attrezzi, i fuochi e le pentole scintillanti.

Sollevo il coperchio di una casseruola, annuso e sbircio…..”mmhmmm, amica ciao, che profumo delizioso..”

“Caponata pronta per stasera, tieni assaggia”

E mentre son lì con la forchetta a mezz’aria, vengo colta in fragrante dallo chef che entra carico di cassette e sacchetti vari, mi pianta gli occhi addosso apostrofandomi con un: ”le piace signora??”

“Oddio, mi dà del lei, mannaggia si deve essere offeso, gli ho rubato la caponata……..si, mi piace molto, davvero deliziosa, mi racconti la ricetta??”

“ma come signora, non conosce la ricetta della caponata, signora??”

Sguardo muto e sgranato verso la mia amica Silvia Vaniglia (abilissima nei desserts, ecco il perché di questo soprannome – fateci un salto www.trattoriadadino.com – ne vale la pena) per capire che sta succedendo, ma lei tranquilla alza gli occhi al cielo e mi fa segno di non badarci.

D’accordo lo chef stasera è in vena di scherzare e per carpire un segreto prezioso in più, decido di non prendermela e di stare al gioco…

Pochi minuti ed esco trionfante dalla cucina con la pancia già piena ed un costa di sedano in mano, unico ingrediente mancante per riprodurre immediatamente la caponatina di Milco che causa il troppo lavoro ed il caldo insopportabile, non ricorda più chi sono (o preferisce dimenticarlo, più probabile..) e finisce per darmi del lei…….

 

INGREDIENTI

3 patate medie lessate (al dente, mi raccomando)

6 melanzane lunghe

3 coste sedano

2 pugni capperi dissalati (fossero di Pantelleria, molto meglio!)

5 pomodori maturi

8 zucchine piccole

1 cipolla

3 cucchiai aceto bianco

Olio evo q.b.

Sale e pepe q.b.

 

Lavare, mondare e tagliare a cubetti, di circa 1,5 cm di lato, le melanzane e disporle a strati in un colapasta o setaccio, spolverizzandole con del sale grosso affinché perdano l’amaro per una mezz’ora almeno.

Lavare, mondare e tagliare a cubetti della stessa grandezza delle melanzane anche le zucchine.

Intanto, tagliate i gambi di sedano a listerelle.

Affettare la cipolla a rondelle sottili, versarla in una casseruola capiente e far soffriggere con olio evo.

Unire le melanzane, il sedano e le zucchine. Quando le verdure saranno appena morbide, aggiungere la patate tagliate a pezzi, i capperi dissalati, i pomodori spezzettati o tagliati a cubetti e fate cuocere per circa 20 minuti a fuoco vivace.

Aggiustare di olio, sale e pepe.

Aggiungere l’aceto e continuare la cottura a fuoco moderato fino a che l’odore dell’aceto sarà sfumato.

 

Print Friendly

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>