Tartellette ai pomodorini e patè di olive nere

Capita accadano cosa inaspettate.

Quanta strada percorsa in poco tempo!

Viviamo giorni e giorni, settimane e mesi, trimestri e anni con l’impressione di non andare mai avanti, con l’impressione di non pensare, di essere in apnea e per tutto questo tempo, inesorabilmente, c’è qualcosa che si muove lento e sotterraneo, senza che ce ne accorgiamo, senza esserne coscienti per poi esplodere ad un tratto, con tutta la sua forza dopo decenni, persino dopo trent’anni.

La verità non è quella che diciamo a voce alta, la verità è quella che ci sfugge.

Un filo di acqua limpida che scorre dentro di noi, che trasporta la parte più pura di noi, che scava, che s’infiltra, che lavora con pazienza certosina.

E poi di colpo, in due o tre giorni, le nostre vite si rovesciano, si ribaltano a causa della forza oscura che lavora in noi.

Allora, bisogna avere il coraggio di lasciarla agire questa forza nuova e seguirla là dove ci vuole portare.

Magari verso un sogno.

Magari verso il nostro sogno.

 

 

INGREDIENTI

Per 6 tartellette

Per la pasta brisè

250 gr farina 00

1 pizzico sale

140 gr burro

4 cucchiai acqua fredda

Per la farcitura

10 pomodorini ciliegia

120 gr patè alle olive nere

12 foglie basilico

30 gr mandorle a lamelle tostate

Burro per ungere

2 cucchiai di farina

Olio evo

sale e pepe

 

 

Preriscaldare il forno a 160° gradi.

Per la pasta, mescolare la farina, il sale, il burro e fino ad ottenere un impasto granuloso. Aggiungere l’acqua per ricavare un impasto morbido e compatto.

Stendere la pasta, tirarla e ricoprire il fondo imburrato ed infarinato di 6 formine per tartellette. Bucherellare con una forchetta le formine ricoprendole con uno strato di patè di olive.

Lavare ed asciugare i pomodorini, tagliarli a metà e svuotarli dei semi.

Suddividerli tra le formine, salare e pepare. In forno per 12 minuti circa.

Una volta sfornati, aggiungere un filo d’olio evo, un paio di foglioline di basilico e qualche lamella di mandorla tostata.

Servire tiepidi o freddi.

Print Friendly

Comments

  1. says

    Intuisco dai tuoi ultimi post che sembri felice …
    E questo è sempre cosa buona e giusta.
    Insomma, se passi da me, c’è un premio per te.
    Che sembra un po’ una catena di Sant’Antonio e vagamente mi inquieta, ma insomma, io mo’ te l’ho detto…
    Avevo bisogno di fare un po’ come la massa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>