Sandwiches alle albicocche

E’ capitato anche a voi di
leggere un libro che vi ha cambiato la vita???? A me si.

Il dramma e il terrore che ho
vissuto alla fine del mio primo percorso in parte  (ci tengo a sottolinearlo…!!) è stato superato
leggendo il libro “Solo Pane” di J. Hendricks.

Libro cretino, penserete voi.
Invece, tra ricette e stupidaggini, queste pagine sono state in grado di ricaricarmi
le batterie arrugginite di energia positiva.
Racconto presto detto, narra di una donna felicemente sposata (povera, lei
almeno ne era convinta!!) che scopre un marito fedifrago nel peggiore dei modi e
che si trova da un giorno all’altro sola, disperata e senza soldi.  Non sa fare nulla, o meglio è convinta di non
saper fare nulla, finchè  ricorda che
prima di incontrare il disgraziato, la cosa che la faceva stare bene, in pace
con se stessa e con il mondo era fare il pane.

Ed ecco che ricomincia a vivere
in un’altra città abbandonando paure e timori rispolverando i suoi ricordi sul
pane e diventando panettiera di professione.

Pensate la scena: se tutte le
donne per riemergere dalle macerie di un matrimonio fallito decidessero di fare
pane……………ah, il mondo traboccherebbe di michette e baguettes…..:J)

Comunque, per ritornare al
discorso iniziale, amo questo libro così tanto che è l’unico che rileggo tutti
gli anni anche se lo conosco a memoria. Ne ho bisogno, mi serve, sono convinta  che tra quelle pagine consunte e ormai
rovinate, si nasconda ancora qualche pizzico di magia.

Quanti ne sono susseguiti, poi??
Molti, molti altri, spesso a sfondo culinario, alcuni leggeri, altri più
profondi che tra un filo d’olio e una foglia di basilico sono stati in grado di
svelare aspetti della vita mai immaginati e presi in considerazione.

E poi una vita senza libri, che
vita sarebbe? Poco condita, senza sale, insulsa, così insipida  da non permetterti di allargare  le proprie riflessioni.

E quando avete in mano un libro
avvincente, goloso, che vorreste non finisse mai, cosa c’è di meglio nel
gustarlo con qualcosa che dia altrettanta soddisfazione??

Il mio libro lo abbino così: a
questi burrini alla marmellata di albicocche, piccoli sandwiches dolci, ma
nemmeno troppo se come me il ripieno non lo amate molto zuccherato.

E voi, che mi dite, pensate
stiano bene in compagnia anche del vostro libro preferito???????

 

INGREDIENTI

 

150 gr burro

200 gr zucchero di canna

2 uova

400 gr farina

1 baccello di vaniglia

sale

 

 

lavorare in una ciotola il burro e lo zucchero in modo
da ottenere un impasto cremoso. Incorporare i tuorli e i semini di vaniglia.

Incorporare gli albumi montati a neve. Aggiungere piano
la farina setacciata con il pizzico di sale e manipolare velocemente. Formare
una palla e farla riposare in frigo per una nottata. Una volta ripreso
l’impesto stenderlo velocemente, formare dei biscotti con la forma desiderata e
cuocere in forno a 180° gradi er una decina di minuti circa.

Una volta raffreddati, io li ho spalmati con marmellata
di albicocche (senza zuccheri aggiunti, mi raccomando! Io ho usato una
confettura strepitosa che ha fatto la zietta!) e ricoperti con un altro
biscotto.

Print Friendly

Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>